Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : annie
  • : Il blog di Annie
  • Contatti
28 agosto 2011 7 28 /08 /agosto /2011 08:48

Una breve panoramica del programma di mobilità Erasmus per insegnanti interessati a svolgere un'esperienza formativa all'estero.

Presentazione del programma

L'Erasmus, il programma di mobilità internazionale dell'Unione Europea per gli studenti universitari, è diventato adulto: non sono più soltanto gli studenti a poter usufruire delle borse di studio Erasmus, ma anche gli insegnati hanno ora la possibilità di svolgere un'esperienza all'estero con i contributi dell'Unione Europea. Nell'ambito di LLP, Lifelong Learning Programme, l'Erasmus consente infatti a personale docente e non di svolgere un'esperienza all'estero presso istituti di istruzione superiori titolari di EUC (Erasmus University Charter o Carta Universitaria Erasmus, la certificazione che un istituto scolastico deve possedere per poter partecipare al programma) o presso imprese presenti in uno dei paesi partecipanti al programma. Questi ultimi comprendono i 27 paesi dell'Unione Europea, i paesi SEE, Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia), e dal 2011 anche Croazia e Confederazione Svizzera. La Turchia è al momento paese candidato e pertanto si applica una procedura di preadesione. "L'Erasmus adulto" persegue diverse finalità con due azioni distinte: STT (mobilità di docenti e altro staff per formazione) e la STA (mobilità di docenti e personale di impresa per attività didattica). In questo articolo ci concentriamo sulla prima.

Caratteristiche e candidature

L'obiettivo delle borse Erasmus STT è di usufruire di un periodo all'estero per formazione professionale attraverso seminari, corsi o affiancamenti che consentano l'acquisizione di capacità pratiche, l’apprendimento di buone prassi e il trasferimento di competenze con il personale dell'istituto ospitante. Il contributo copre le spese di di viaggio, vitto e alloggio fino a un massimo di 900 euro. Il soggiorno all'estero deve avere una durata minima di una settimana (intesa come 5 giorni lavorativi) e massima di sei settimane. Può partecipare al programma il personale docente e non di istituti superiori in possesso di EUC. Nel proporre la propria candidatura è necessario elaborare un piano di lavoro che deve essere concordato tra l’Istituto di appartenenza e l’Istituto o l'impresa di accoglienza. La selezione dei partecipanti è a cura dell'Istituto di appartenenza. Il personale disabile può usufruire di un contributo aggiuntivo. Per maggiori informazioni e per scaricare la modulistica per la mobilità dei docenti si consiglia di visitare il sito ufficiale del programma all'indirizzo Programmallp.it.

Smart Woman with Pencil and Folder
Repost 0
26 luglio 2011 2 26 /07 /luglio /2011 11:49

In un mondo globalizzato la conoscenza delle lingue straniere è una competenza sempre più spendibile nel mondo del lavoro. Per chi desidera studiare lingue a Bologna, l'ateneo cittadino propone 2 corsi di laurea e 3 corsi di laurea magistrale. Vediamoli nel dettaglio.

Corsi di laurea

La laurea in Lingue e letterature straniere prevede lo studio di due o tre lingue straniere, che possono essere scelte tra lingue europee ed extraeuropee, e delle relative letterature. Gli studenti possono scegliere tra due curricula (ovvero percorsi di studi):

  • Lingue e letterature straniere

  • Corso integrato Bologna Mainz Dijon.

Quest'ultimo è riservato a chi sceglie francese e tedesco come lingue triennali e prevede un anno di studio a Bologna e due anni di studio all'estero presso due atenei convenzionati: la Johannes Gutemberg Universitat di Mainz e la Université de Bourgogne di Dijon.

Chi ha un interesse specifico per i paesi asiatici può optare per la laurea in Lingue, mercati e culture dell'Asia. Due sono le aree geografiche di riferimento: l'area medio-orientale e l'area estremo orientale e gli studenti devono scegliere tra le lingue arabo, persiano, cinese e giappone, oltre ad una lingua europea.

Corsi di laurea magistrale

Per chi ha un interesse specifico per la letteratura, la scelta migliore è la laurea in Letterature moderne, comparate e postcoloniali.

Due i curricula proposti:

  • Letterature Moderne, Comparate e Postcoloniali

  • Women's and Gender Studies – Studi di Genere e delle donne

Quest'ultimo viene organizzato nell'ambito del programma europeo Erasmus Mundus e permette allo studente di alternare periodi di studio a Bologna e all'estero.

La laurea magistrale in Lingua, societa' e comunicazione è adatta a chi desidera una professione nell'ambito della comunicazione internazionale. Oltre alla consueta preparazione storico-culturale, prevede anche insegnamenti economici e giuridici ed attività pratiche per la gestione informatica dei testi. A chi invece ha un interesse specifico per ll multiculturalismo, l'ateneo bolognese propone la laurea magistrale in Lingua e cultura italiane per stranieri, che permette di acquisire gli strumenti per la didattica dell'italiano e la conoscenza di più lingue europee, in un'ottica multiculturale che può risultare utile in contesti di cooperazione e mediazione. Al momento non sono attive lauree specialistiche, ma ricordiamo che l'offerta formativa di un ateneo può variare di anno in anno. Per informazioni aggiornate si consiglia di consultare il sito della facoltà di Lingue e letterature straniere dell'Università di Bologna.

student
Repost 0